Precisazione dovuta!!!

Nell'articolo che trovate qui sotto, parlo di una scoperta fatta sul fatto che Diabolik guida una Vaillant. Da anni mi chiedevo come mai Diabolik in quel numero non guidava la sua Jaguar. A svelare l'arcano mi aiutarono i racconti di Mario Gomboli, Direttore dell’Astorina, che in occasione di Lucca comics del 2012, mi raccontò di aver regalato lui stesso,  alcuni albi di Michel Vaillant alla redazione Astorina, in modo che i disegnatori potessero ispirarsi per disegnare delle “belle auto”.

Saputa questa notizia, mi sono messo  alla ricerca su internet ed ho trovato l'articolo del sito dei fan italiani di Michel Vaillant  http://www.michel-vaillant-fan.it/smistamento.htm dal quale ho trovato tutte le notizie che riporto nell'articolo. Mi scuso se il modo in cui ho riportato l'articolo, faceva apparire come farina del mio sacco, quello che invece  non lo era. Diamo a Cesare quello che è di Cesare. La miei meriti si fermano alla  scoperta , del modo in cui Vailant sia arrivato alla casa editrice Astorina (cosa non specificata sul sito dei fan di Vaillant), il resto va a chi ha realizzato quel bellissimo sito. Chiedo scusa

Quella volta che Diabolik guidò una Vailante

Diabolik esce dal proprio rifugio a bordo di una Vailante Sport
Diabolik esce dal proprio rifugio a bordo di una Vailante Sport

"La denuncia di Eva", Anno VIII,  n° 14 del 7 luglio 1969 .

L’albo Ladenuncia di Eva, mi ha incuriosito fin da ragazzo. in quell’avventura secondo me c’erano tante anomalie rispetto a tutti gli altri albi che lo rendevano diverso da tutti gli altri. Eva che denuncia il compagno che rischia di finire sulla ghigliottina. Eva che resasi conto di cosa ha fatto pensa al suicidio, invece che trovare il modo di liberarlo….. Diabolik invece durante il colpo alla banca indossa una maschera che mi ricordava in maniera impressionante Burgnich il calciatore dell’Inter e della Nazionale italiana. La la cosa che mi colpì di più fu il fatto che in quell’avventura Diabolik non usa la sua Jaguar ma una bella auto sportiva che per anni non sono riuscito bene ad identificare. Dopo anni di ricerca sono riuscito ad individuare l’auto usata da Diabolik,

non era né un vecchio modello Alfa Romeo, nè una Ferrari come avevo pensato, ma neppure un auto di fantasia “inventata” dalla matita di Facciolo, ritrattava invece di una "VAILLANTE JUNIOR SPORT" . Cosa c’entra Diabolik con la Vaillant e con Michel Vaillant il personaggio di Jean Graton??

 

A Luccacomics 2010 ho incontrato Mario Gomboli, ed è stato proprio il Direttore dell’astorina a risolvere l’arcano, fu lui infatti a regalare alcuni albi di Michel Vaillant alla redazione Astorina, in modo che i disegnatori potessero ispirarsi per disegnare delle “belle auto”. appresa la notizia, grazie ad una ricerca fatta su internet, ho trovato il sito  dedicato a Michel Vaillant, dove son riuscito a trovare tutte le notizie necessarie, per  individuare l’albo dalla quale Facciolo ha preso in prestito la Vaillnte per i suoi disegni.

 

 Inizialmente avevo  pensato che Facciolo avesse apprezzato l’eccezionale lavoro del grande disegnatore francese, al punto di prendergli in prestito una Vaillante e di darla a Diabolik in una delle sue avventure. Diabolik poi ha fatto il resto…. Dotando l’auto di due freccette intrise di narcotico, sparate al momento opportuno dai tergicristalli per liberarsi degli agenti in un posto di blocco. Un curiosità sono anche le onomatopee usate da Facciolo (usa il ROOAARR di Graton al posto del Diabolico WROOOMM). Avevo preso in considerazione il fatto che la bravura di Jean Graton possa aver colpito all’epoca Facciolo e altri disegnatori italiani, quindi ... abbia preso in prestito una sua auto, una sorta di omaggio alla bravura del maestro francese. In effetti le auto delle avventure di quel periodo non sempre erano all’altezza, a volte i disegni ricordavano le illustrazioni del libretto fornito a tutti coloro che dovevano prendere la patente, sicuramente non all’altezza di una testata come Diabolik.

 

E' stato così che Diabolik ha guidato una Vaillante Junior Sport nell'episodio del 7 luglio 1969 .

Grazie ad una ricerca fatta su internet sul sito dedicato a Michel Vaillant sono riuscito ad individuare l’albo dalla quale Facciolo ha preso in prestito la Vaillnte per i suoi disegni.

Si tratta nel n.8 dei Classici dell'Audacia - "Il pilota n° 8" ("Le 8e pilote") del 1965.

 

 

Ecco, di seguito, alcune delle vignette estratte dalle pagine dell'episodio  "La denuncia di Eva" di Diabolik raffrontate con le corrispondenti vignette "ispiratrici" tratte dall'album "Le 8e pilote " ("Il pilota n° 8" ) di Michel Vaillant.