Esiste una linea veramente sottile fra la mia passione per Diabolik e una malattia mentale.

Andrea

Le pagine sono molte, per trovarle tutte puoi aiutarti con "la mappa del sito" , trovi il link in basso ad ogni pagina.

                Copyright Astorina 1962-2011                                                                                                                            

Video "Furto in casa Diabolik"

attenzione se guardate attentamente questa immagine...vi sembrerà che Diabolik ogni tanto batta gli occhi.....ma  è solo una diabolika illusione!
attenzione se guardate attentamente questa immagine...vi sembrerà che Diabolik ogni tanto batta gli occhi.....ma è solo una diabolika illusione!

Diabolik e i gruppi Facebook

La copertina originale del numero uno (nella versione prezzo nel cerchio)
La copertina originale del numero uno (nella versione prezzo nel cerchio)

Da anni oltre a questo sito su Facebook esisteva un gruppo omonimo. Il gruppo, nato per far conoscere tutto ciò che ruota intorno al personaggio, ha raggiunto la massima notorietà nel dicembre 2012. Lo spirito di condivisione, di notizie, materiale e informazioni di qualsiasi tipo, che mi aveva spinto ad aprire il gruppo, purtroppo non è stato compreso dai membri che negli anni si sono iscritti al gruppo. Spesso è bastata una foto di un oggetto e alcuni commenti per scatenare veri e propri litigi fra i membri, con offese e addirittura minacce che mi hanno portato prima alla decisione di ristrutturare il gruppo limitando l'accesso a sole 50 persone e poi alla chiusura temporanea.

Nel frattempo i gruppi dedicati a Diabolik si sono moltiplicati, io stesso mi sono iscritto, con la speranza di trovare all'interno dei gruppi stessi lo spirito del collezionismo genuino che anni fa mi ha fatto avvicinare a questo mondo. Purtroppo invece, mi son reso conto che questi gruppi diventano una vetrina in cui mettere in mostra i propri pezzi .....non per  spirito di condivisione ma di competizione!!! Ognuno mette la foto di qualsiasi oggetto e non conta che questo sia un "pezzo importante" la cosa che conta è che sia un pezzo che solo in pochi hanno. Questo ha fatto si che si sia incrementato in modo assurdo il mercato dell'oggetto "esclusivo" o "a tiratura limitata". Il più delle volte questi oggetti sono stati realizzati senza alcuna autorizzazione della casa Editrice o di chi detiene i diritti Copyright. Gli oggetti non autorizzati sono aumentati come sono aumentai i litigi.  In questa grande confusione più di una persona ci a fatto le spese. In questi anni, posso dire con orgoglio che ho io stesso realizzato diversi oggetti e fornito il mio aiuto a chi ne ha avuto bisogno e SENZA MAI AVER PRESO UN CENTESIMO DA NESSUNO. Ma evidentemente ciò non è bastato adevitare che ricevessi accuse di ogni tipo.  Per aver scritto degli articoli che sono stati poi pubblicati su dei libri (tra l'altro distribuiti dal Club) sono stato accusato di complicità con l'editore (avrei fatto fifty fifty con lui).

Per aver partecipato ad una iniziativa (tra l'altro regolarmente autorizzata dalla Casa Editrice Astorina) e aver REGALATO quattro copertine a chi aveva partecipato con me al progetto  sono stato accusato di di far parte della cricca "DEI CINQUE DELL'AVE MARIA". Accuse spesso non rivolte direttamente, ma inserite in modo subdolo, fra riga e riga in alcuni post apparsi sulle pagine dei vari gruppi. Mi dispiace ma in questo modo di fare collezionismo non mi ci vedo più. Ho detto a voce alta in modo molto maleducato ciò che penso e me ne son venuto via.

Ma si sa chi dice quel che pensa a volte non viene compreso, infatti sono stato fatto passare per un povero depresso che ha reagito così solo perchè afflitto da un sacco di problemi personali. 

 

 

Ma non mi voglio soffermare più del dovuto su questa mia triste esperienza avuta su Facebook. Ricordo con simpatia e nostalgia i primi anni in cui iniziavo a collezionare, anni in cui trovai tanti amici veri, con i quali ancora oggi continuo ad avere contatti e lo spirito di condivisione che ci teneva uniti. In tanti anni non ricordo un solo litigio e neppure una semplice discussione. Trovare dieci copie di un singolo oggetto significava accontentare dieci amici. Oggi se uno trova 20 copie di un singolo oggetto le acquista tutte e venti...ma solo per toglierle dal mercato, non farle arrivare agli altri e poter poi pubblicare la foto su Facebook e poter dire: "MA QUESTO CE L'HO SOLO IO!"

Link di siti amici

  Il sito è in rete da anni, ma non è ancora completo.....

tante pagine sono desolatamente vuote aiutatemi a riempirle.

Il sito è di tutte le persone che amano il mondo di Diabolik